Cosa è accaduto con Facebook down

cosa e accaduto con facebook down

Facebook down,Il più lungo black-out della storia dei social media. Questo è il blackout più lungo nella storia dei social media. Il downtime di Facebook e di tutti i servizi appartenenti alla famiglia Menlo Park (ovvero Instagram, WhatsApp, Messenger e persino Oculus) è durato per circa 7 ore, cosa mai avvenuta prima e che ha impedito a miliardi di persone di utilizzare queste piattaforme.

In un primo momento, le cose sembravano risolversi in pochi minuti, ma non è la prima volta che una piattaforma di social media fallisce. È solo che con il passare del tempo le cose sono diventate sempre più gravi e le conseguenze che ne derivano.

Al termine di una notte intensa, in Italia, il conteggio delle elezioni dell’esecutivo 2021 è in pieno svolgimento, questo è Facebook stessa ha pubblicato con un articolo sul blog “Facebook engineering”  per spiegare cosa è successo. In parole povere, si tratta di un cambio di configurazione del router: “L’interruzione del traffico di rete ha avuto un impatto a cascata sulle modalità di comunicazione del nostro data center, portando alla sospensione dei nostri servizi. In pratica, l’aggiornamento BGP del Border Gateway Protocol (un protocollo utilizzato per connettere più router tra loro) non ha proceduto come previsto, e alla fine ha cancellato le informazioni di routing DNS (Domain Name System), che è uno strumento utile per consentire a Facebook di consentire l’accesso alla rete. il sistema ha trovato il suo sito web. Questo è quello che è successo. Quindi non ci sono hacker o altro. Gli incidenti possono capitare, ma se accadono a un colosso come Facebook, le conseguenze possono essere molto gravi.

l danno che ne è derivato è enorme, per Facebook, per tutte quelle aziende che vi investono, per tutti quei professionisti che usano queste piattaforme per lavorare. Ora, il down si è verificato quando in Italia erano le 17 circa, e i danni ci sono stati, ma negli Usa la giornata lavorativa era appena iniziata, un dettaglio non da poco.

Cosa dobbiamo imparare?

L’interruzione del servizio di Facebook è davvero un ottimo punto di dati per l’argomento che non dovremmo avere un social globale,una piattaforma multimediale che domina più linee di comunicazione e ad agire in vari paesi e regioni.

Dobbiamo ricordandoci che esistono ancora i sito web, i blog, i siti personali, i forum; In tanti ormai pensano che siano cose ormai obsolete e di poca efficacia, ma essi dovrebbero essere il perno sul quale dovrebbe essere costruita la comunicazione digitale, per meglio delineare l’identità di un’azienda o di un brand.

Facebook ha dichiarato :

A tutte le persone e le aziende in tutto il mondo che dipendono da noi, ci scusiamo per l’inconveniente causato dall’interruzione odierna delle nostre piattaforme. Abbiamo lavorato duramente per ripristinare l’accesso e ora i nostri sistemi sono tornati operativi. La causa alla base di questa interruzione ha avuto un impatto anche su molti degli strumenti e dei sistemi interni che utilizziamo nelle nostre operazioni quotidiane, complicando i nostri tentativi di diagnosticare e risolvere rapidamente il problema.

I nostri team di ingegneri hanno appreso che le modifiche alla configurazione sui router dorsali che coordinano il traffico di rete tra i nostri data center hanno causato problemi che hanno interrotto questa comunicazione. Questa interruzione del traffico di rete ha avuto un effetto a cascata sul modo in cui comunicano i nostri data center, interrompendo i nostri servizi.

I nostri servizi sono ora di nuovo online e stiamo lavorando attivamente per riportarli completamente alle normali operazioni. Vogliamo chiarire in questo momento che riteniamo che la causa principale di questa interruzione sia stata una modifica alla configurazione errata. Inoltre, non abbiamo prove che i dati degli utenti siano stati compromessi a causa di questo tempo di inattività.

Persone e aziende in tutto il mondo si affidano a noi ogni giorno per rimanere in contatto. Comprendiamo l’impatto che interruzioni come queste hanno sulla vita delle persone e la nostra responsabilità di tenere le persone informate sulle interruzioni dei nostri servizi. Ci scusiamo con tutte le persone colpite e stiamo lavorando per capire di più su ciò che è successo oggi in modo da poter continuare a rendere la nostra infrastruttura più resiliente.

Cosa è successo tu Twitter

E Twitter in questi casi, per le sue caratteristiche, risulta essere la piattaforma d’elezione. Vediamo allora di dare qualche numero di ciò che è accaduto sulla piattaforma da 280 caratteri, dove nemmeno Twitter stessa si è sottratta al momento dando vita ad un siparietto con gli account della Famiglia Facebook, che non avevano in verità altro luogo dove poter comunicare in maniera tempestiva, e con altri brand che hanno partecipato divertendo gli utenti. Un momento storico potremmo dire.

Sono stati ben 3 milioni i contenuti condivisi su Twitter usando gli hashtag che hanno caratterizzato il pomeriggio/sera in Italia, e cioè: #facebookdown, #instagramdown, #whatsappdown, una data che resterà storica per i social media.

Se navighi su twitter ti aspetto nel mio account @enricofusco