Facebook: cosa significa il banner sull’AGCM che appare nel profilo?

AGCM FACEBOOK marketing enrico fusco treviso

Un avviso è comparso in un banner su Facebook destando la curiosità di tanti utenti che si interrogano su quale sia il suo significato.

il messaggio recita: “Comunicazione importante: il 29 novembre 2018 l’AGCM ha sanzionato Facebook per una pratica commerciale scorretta”.

Ma perché è stato inserito questo messaggio? e cosa cambia da ora per gli utenti?

Il banner, che probabilmente molti utenti avranno ignorato o chiuso per sbaglio è stato inserito in questi ultimi giorni e si tratta di una comunicazione ufficiale che arriva da Facebook e che viene posizionata in alto all’interno del popolare social network in Italia.

Quello che ha portato molto utenti nella confusione è il contesto: si parla infatti di un provvedimento dell’AGCM risalente al 2018.

facebook agcm
Il banner comparso nel’homepage di Facebook

Cosa è successo e perché Facebook sta dando risalto proprio ora a questo provvediento?

Ecco tutto quello che c’è da sapere.

I fatti descritti nella notifica risalgono al 29 novembre 2018: in questa data Facebook venne accusato dall’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) di scarsa chiarezza riguardo i veri costi che si nascondono dietro un’app apparentemente gratuita per gli utenti.

Nello specifico ci si riferiva ai dati personali, che molto spesso cediamo ignorandone gli effetti, il potenziale e i rischi come moneta di scambio. Tutte le informazioni che cediamo a Facebook, ed in generale a qualsiasi altra piattaforma, vengono raccolte per permettere alle aziende di acquistare pubblicità targhetizzata, e quindi uno spazio pensato su misura del cliente di loro interesse.

Il banner apparso in queste ore è quindi frutto di una richiesta precisa dell’AGCM, che accusò Facebook di applicare una pratica commerciale scorretta nei confronti degli utenti.

Nel 2018, l’Autorità multò 10 milioni di euro Facebook e le intimò di rimuovere ogni riferimento alla gratuità del servizio e di pubblicare la nota in cui spiegava perché era stata costretta a farlo. Facebook obbedì, ma solo in parte: la nota di spiegazioni non fu pubblicata, ma la multa venne pagata e “È gratis e lo sarà sempre” sparì.

Tra le varie richieste espresse dal Garante c’era anche quella di rendere consapevoli gli utenti che i cambiamenti e le modifiche all’interno della piattaforma sono state la conseguenza diretta della sanzione emessa dall’AGCM nei confronti dell’azienda di Mark Zuckerberg. Tale dichiarazione non era ancora stata messa in evidenza da Facebook fino alla comparsa del banner che, come era prevedibile, sta destando molta curiosità e interrogativi tra gli utenti.

Perché il banner dell’AGCM su Facebook è importante per gli utenti

Il banner è quindi l’ultimo step di Facebook per aderire alle richieste effettuate dall’AGCM ormai tre anni fa. 
Perché è importante e non va ignorato? Perché rende gli utenti iscritti non solo più consapevoli ma anche più informati sugli avvenimenti e i fatti risalenti a tempo fa non andandone a sottostimare l’efficacia dell’intervento.
Leggendo il comunicato per intero ci si ritroverà davanti a una ammissione di colpa che mira a un messaggio ben preciso per gli utilizzatori dell’app di Facebook: quello che vedete o fate non è gratis

Cosa cambia per gli utenti

Per gli utenti non cambia nulla: dopo aver letto il messaggio nel banner che oggi vedono su Facebook possono continuare a usare la piattaforma esattamente come prima.